Rameswaram e altro Tamil Nadu poco conosciuto

rameswaram

La prima volta che andai a Rameswaram non fu molto fortunata: venni svegliato sul treno a pochi chilometri dall’isola da gente che urlava e solo dopo un bel po’ riuscii a capire che stava infuriando un ciclone ( l’uragano Nisha ) e che era impossibile attraversare l’Indira Gandhi bridge a causa delle onde alte metri. Non so ancora come ma dopo qualche ora riuscii a trovare un bus e ad arrivare lo stesso in città, completamente inzuppato tra la pioggia e l’acqua nelle strade che arrivava al ginocchio. Furono tre giorni molto umidi ( avevo l’acqua anche dentro l’hotel ) ma alla fine rimasi comunque molto colpito dal tempio ( e in qualche modo riuscii ad entrare anche nel sancta sanctorum, teoricamente vietato ai non induisti ) e dai vari rituali dei pellegrini, in particolare i bagni di purificazione sia al tempio che sulla spiaggia.

rameswaram

IMGP7570

rameswaram

Dopo molti anni sono tornato per una visita più rilassata, in un periodo più favorevole durante la stagione secca. Nella città e nei dintorni non è cambiato granché, mentre nel tempio ci sono molti più controlli e non si può portare dentro nulla, compresi macchine fotografiche e cellulari. E’ un peccato perché l’interno del tempio è molto bello e le coloratissime decorazioni dei corridoi erano state restaurate da poco, ma ormai a causa dei problemi col terrorismo in molti templi preferiscono obbligare la gente a lasciare tutto fuori. Anche l’ingresso alla zona del lingam è molto controllata ed è difficile aggirare il divieto.

Ma il luogo più suggestivo dell’isola resta senza dubbio la spiaggia dietro al tempio, dove ogni mattina all’alba si radunano centinaia di pellegrini ( che vengono davvero da ogni parte dell’India ) per il bagno rituale. Per molti è la fine del mitico char dam, il pellegrinaggio che comprende oltre a Rameswaram altre tre famose città sante dell’India antica: Badrinath, Dwarka e Puri. Molto bello anche il tempietto di Hanuman poco fuori città, che non avevo visto la prima volta e ha una vista molto bella su tutta l’isola.

rameswaram

rameswaram

rameswaram

rameswaram

Ho girato il Tamil Nadu in lungo e in largo per più di 20 anni, ho visto quasi tutto e percorso gran parte delle strade,  quindi questa volta oltre al solito mese a Tiruvannamalai e alle visite a Madurai e Rameswaram ho deciso di andare a vedere qualcosa di nuovo, un paio di città minori che ospitano però templi comunque degni di nota e molto frequentati dai locali. La prima di queste è la piccola Tiruchendur, che si trova sul Golfo di Mannar circa a metà strada tra Rameswaram e Kanyakumari.

tiruchendur

tiruchendur

tiruchendur

L’unica ragione per venire in questa piccola cittadina è il relativamente famoso tempio di Murugan, uno dei pochi dedicati a questa divinità, il cui culto è diffuso molto più nel Sud Est Asiatico che in India. Murugan è il figlio di Shiva e Parvati e fratello del ben più amato e adorato Ganesh. La città è abbastanza anonima, poco più di un villaggio per gli standard indiani, tutto o quasi ruota intorno alle attività legate al tempio e al turismo di pellegrini. Anche qui come a Rameswaram i pellegrini vengono a fare i bagni rituali sulla spiaggia all’alba, anche se qui c’è molta più gente, tantissima. Poi fanno una lunghissima fila per bagnarsi con l’acqua di un pozzo sacro e infine vanno al tempio, che è veramente bello, in classico stile del Sud dell’India con l’interno mistico, cupo e claustrofobico. Non manca un bell’elefantone che benedice tutti.

tiruchendur

tiruchendur

tiruchendur

Da Tiruchendur un lentissimo passenger train ( dove incontrerò tanta gente simpatica, in particolare un postino locale che andava al lavoro ) mi porta nella seconda città di questo mio minitour fuori dalle rotte più battute, Tirunelveli. Il paesaggio è molto bello, tra risaie e immense distese di saline, dove donne dai saree coloratissimi faticano sotto un sole implacabile.

tirunelveli

tirunelveli

tirunelveli

tirunelveli

La città è piuttosto brutta e sporca ma molto tradizionale Tamil e la gente ( evidentemente poco abituata a vedere degli stranieri ) è piuttosto tranquilla e gentile. E’ molto antica e ricca di storia, fu fondata probabilmente durante la dinastia dei Pandya secoli prima della nascita di Cristo, anche se non rimane molto del suo interessante passato. Ottimi thali, dosai, idli e cibo vario del Sud dell’India. C’è una parte più moderna e un’altra più antica dove si trova il grande tempio Nellaiappar, senza dubbio uno dei più belli della zona. Il sito risale all’epoca dei Pandya anche se la struttura attuale è relativamente recente ed è stata costruita dai Nayak di Madurai attorno al 1500. L’interno in particolare è molto interessante, sembra che nulla sia mai stato toccato da secoli. La sera nel sancta sanctorum mettono centinaia di lumini ad olio e l’atmosfera diventa davvero magica, tra incensi, donne in sari e affascinanti giochi di luci e ombre.

palani

Prima di andare a Trichy, città dove sono stato molte volte e che mi ha sempre affascinato, decido di fare una bella deviazione e andare a vedere un altro tempio sempre dedicato a Murugan ma molto più famoso di quello di Tiruchendur: quello di Palani. In realtà ero già stato in questa città molti anni fa, ma non mi ero fermato: Palani è abbastanza nota anche tra i viaggiatori stranieri ma solo come luogo di transito per la mitica Kodaikanal, che soprattutto negli anni 80-90 era una delle tappe classiche per i viaggiatori zaino in spalla nel Sud dell’India. Ci si andava soprattutto per il clima fresco quasi alpino e per l’erba e i funghi allucinogeni.

palani

palani

palani

palani

palani

Malgrado si trovi in un bel posto tra belle colline anche Palani è abbastanza brutta e molto sporca, e in più nel tempio ( che si trova proprio in cima ad una collina ) non si può entrare, è vietato ai non induisti. C’è il tipico trambusto di questi famosi centri di pellegrinaggio indiani e molta gente strana. C’è un altro tempio in una collina vicina, decido di provare a vedere se mi fanno entrare almeno in quello. E’ un vecchio tempio dedicato ad Idumbar, discepolo del grande asceta Agastya e “guardiano” dei templi di Murugan. Luogo molto pacifico, ci sono solo un vecchio bramino e tre pellegrini del Kerala che mi offrono una banana e del cocco. Bellissimo panorama sull’altra collina, sulla città e sulle Kodaikanal Hills, che costituiscono l’ultimo bastione orientale dei Ghats Occidentali.

Leggi anche:

Comments

comments

Tags: , ,